Jim Jarmusch: Paterson

JIM JARMUSCH PATERSON (USA 2016, min. 113, col., drammatico )   Tutti lo volevano, ora lo hanno, tutti lo amano e tutti lo osannano. I Cineuforici ne sono delusi. Paterson del grande regista Jim Jarmusch, ti lascia lì ai titoli di coda con un profondo e sincero: “Mah…”. Non si osa dire nulla, perché “Jim Jarmusch è Jim Jarmusch, e che cavolo”. Vuol dire che non si è capito tutto, poiché tutti, ma proprio tutti, lo acclamano come una delle migliori pellicole del regista newyorkese. Continua...

Nate Parker – The Birth of a Nation

NATE PARKER The Birth of a Nation (USA 2016, 117 min., col., drammatico) Non poteva che arrivare dal Sundance uno dei peggiori film dell'anno. The Birth of a Nation è infatti furbo e irritante, in quanto vorrebbe essere provocatorio fin dal titolo (che rovescia, intelligentemente, il classico di Griffith che fu permissivo nei confronti della schiavitù) rivelandosi poi film assai più convenzionale delle premesse già probabilmente pronto, dopo essere stato portato in pompa magna dai cinefili Continua...

Tom Ford: Animali Notturni

TOM FORD Animali Notturni (USA 2016, 116 min., col., drammatico) La seconda prova alla regia dello stilista Tom Ford comincia con un ributtante spettacolo feticista di carne tremolante. I titoli di testa scorrono in sovraimpressione sui dettagli corporali di showgirl obese la cui pelle flaccida si agita al rallentatore in una pioggia di scintille e luci sfavillanti. Si capirà trattarsi di una videoinstallazione al centro di una galleria d'arte gestita dalla protagonista Susan (Amy Adams). Ford Continua...

Pablo Larraín: Neruda

PABLO LARRAÍN NERUDA (Cile 2016, 137 min., col., drammatico) La vita è narrazione e, poiché tale, merita d’essere vissuta fino alla fine. Personaggi di un romanzo poliziesco, l’investigatore e il poeta-senatore lottano per un ruolo da protagonista. Pablo Larraín non gioca con le parole come il poeta Neruda, ma con le immagini che creano la narrazione. Il regista, dopo No - I colori dell’arcobaleno e El Club, s’inserisce appieno nella tendenza di questo decennio: narrare il narrabile, Continua...

Hou Hsiao-Hsien: The Assassin

HOU HSIAO-HSIEN The Assassin (Taiwan/Cina/HK 2015, 104 min., col., wuxia/drammatico) "Non tratto le note meglio di altri pianisti. Ma le pause tra le note … è lì che sta l'arte!"  (Artur Schnabel) The Assassin appartiene a quella categoria di film che hanno la capacità di rimanere impressi nella mente dello spettatore dopo la visione, e di arricchirsi (e arricchire) col tempo. Per via di quella che spesso può essere scambiata per indeterminatezza, stordiscono ad una primo impatto mentre Continua...

Maren Ade: Toni Erdmann

MAREN ADE TONI ERDMANN (Germania 2016, 162 min., col., grottesco)   Lo schiaffo cinematografico dell’anno arriva con Toni Erdmann, un’opera mostruosa e gargantuesca. Non c’è stato nulla di più imprevisto, sfacciato, schietto, inattuale e grottesco del lavoro della giovane Maren Ade. Toni Erdmann è diabolicamente potente. Apre in due lo spettatore, lo mette a disagio, lo fa ridere amaramente e lo fa piangere cinicamente. Nulla è qui normale, ma tutto è reale. Non finisce mai. Non ne Continua...

Jeff Nichols: Midnight Special

JEFF NICHOLS MIDNIGHT SPECIAL (Usa 2016, 111 min., col., thriller/fantascienza)   Jeff Nichols è l’erede di Spielberg? È la rinascita della fantascienza? Domande che lasciano il tempo che trovano e che non rendono onore a un regista dal percorso cinematografico originalissimo. In un’annata che vede alla ribalta il genere fantascientifico, basti a pensare al successo meritato dell’ottima serie televisiva Stranger Things, la pellicola di Nichols sembra volersi inserire nell’esiguo spazio Continua...

Mostra del Cinema di Venezia: 7-9 Settembre

CONCORSO - Andrei Konchalovsky: Paradise (Russia/Germania) Konchalovsky gira un film sull'Olocausto in bianco e nero con rapporto 4:3. La vicenda si alterna su tre punti di vista: quello di un commissario francese collaborazionista, quello di una donna russa imprigionata per aver nascosto due bambini ebrei, e quello di un aristocratico tedesco con una fede incrollabile nel "paradiso" promesso dal regime nazista, ovvero un mondo perfetto creato su misura per il popolo tedesco. Paradise è un film Continua...

Mostra del Cinema di Venezia: 6 Settembre

FUORI CONCORSO - Amir Nadiri: Monte (Italia) Monte è un film di enorme potenza espressiva. All'inizio la pellicola è inquadrabile in un tempo, l'Alto Medioevo, e un luogo preciso, le montagne dell'Alto Adige. Col passare dei minuti però, il film di Nadiri (regista iraniano che ha deciso di girare in Italia) supera qualsiasi contesto storico, e si trasforma in materia arcaica, mitologica e filosofica. Un contadino vive con la famiglia sulle pendici di una montagna la cui ombra ostacola qualsiasi Continua...

Mostra del Cinema di Venezia: 5 Settembre

ORIZZONTI - Bill Morrison: Dawson City / Frozen Time (USA) Il film di Bill Morrison è un atto d'amore nei confronti del cinema. Si dice che l'80% dei film girati nell'epoca del muto siano andati perduti, soprattutto a causa delle difficoltà di mantenimento delle pellicole in nitrato, che si decomponevano rapidamente e prendevano fuoco per autocombustione se non immagazzinate in precise condizioni di temperatura ed umidità. Con l'arrivo del sonoro e di pellicole più sicure, le pellicole Continua...